Guardia di Finanza sequestra migliaia di prodotti contraffatti: le operazioni a Milano e Pescara

I militari della Guardia di Finanza di Milano e Pescara hanno recentemente condotto alcune operazioni mirate contro la contraffazione, sequestrando migliaia di articoli contraffatti, tra cui profumi, gioielli, elettronica e bigiotteria. Se nell’operazione di Pescara la merce veniva venduta in negozi, la commercializzazione dei prodotti contraffatti sequestrati in Lombardia avveniva via Internet, con la pubblicità di profumi di marchi noti a un prezzo eccessivamente economico.

A Milano, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno condotto un’operazione diretta dalla Procura della Repubblica di Monza, che ha portato al sequestro di oltre 133.000 articoli contraffatti. Tra questi, figuravano profumi di marchi noti, nazionali ed esteri, venduti a prezzi sospettamente bassi rispetto al loro valore di mercato. Attraverso il monitoraggio di annunci online, i finanzieri hanno individuato diversi utenti impegnati nella pubblicizzazione e nella vendita di tali prodotti. L’attività investigativa ha permesso di scoprire due opifici utilizzati per l’assemblaggio e lo stoccaggio della merce contraffatta, con il sequestro di circa 55.000 profumi con marchi come Guerlain, Gucci, YSL, Chanel, Dior, Creed, Cartier, etc, e 79.000 articoli per il confezionamento. Tre soggetti sono stati denunciati per vari reati, tra cui contraffazione e vendita di prodotti falsificati. Il valore stimato dei prodotti sequestrati superava il mezzo milione di euro.

Analogamente, a Pescara, la Guardia di Finanza del Comando Provinciale ha condotto un’azione nel contesto del piano d’azione “Stop Fake“, volta a contrastare la commercializzazione di prodotti contraffatti e non sicuri. Durante le ispezioni nei negozi casalinghi e di bigiotteria, sono stati scoperti numerosi articoli non conformi, tra cui orecchini, bracciali e collane contenenti materiali tossici come il nichel, che possono causare reazioni allergiche e danni alla salute dei consumatori. Inoltre, sono stati rinvenuti prodotti elettronici non sicuri, che rappresentano un grave rischio per la sicurezza dei consumatori, potendo causare scosse elettriche, incendi o esplosioni.

Le conseguenze legali per i responsabili sono state immediate: denunce penali e segnalazioni alle autorità competenti, con sanzioni pecuniarie fino a 25.000 euro. Queste azioni dimostrano l’impegno costante delle autorità nel proteggere la proprietà intellettuale, promuovere la leale concorrenza tra le imprese e salvaguardare la salute e la sicurezza dei consumatori.

Fonti:
Guardia di Finanza Milano – Contraffazione
Guardia di Finanza Pescara – Piano di azione Stop fake

Valentina Colazzo
Valentina Colazzo

Ciao, mi chiamo Valentina e sono una giornalista con una passione per la cucina fin da bambina. Sul lavoro ma anche nella vita quotidiana, faccio molta attenzione alla sicurezza alimentare, per questo ritengo molto importante la divulgazione sui richiami alimentari. Credo fermamente nell'importanza di informare i consumatori su come mantenere la propria alimentazione sicura e sana. Attraverso il mio lavoro, condivido notizie, approfondimenti e consigli pratici per aiutare tutti a fare scelte alimentari consapevoli e sicure, ma soprattutto a scoprire le ultime notizie sui richiami e ritiri dei supermercati.